MAPPA METEO RECAPITI UTILI MERCATINO FOTO CODICE FISCALE PAGINE RADIO GALATRO IERI E OGGI FIRME
Prendo una poesia dal cassetto
in questo brutto momento

Biagio Cirillo
In questo momento critico che ci tiene tutti chiusi nelle mura domestiche, mi viene in mente il mio paesello, tante domande dentro di noi che non trovano risposte. Spero che questo virus non vi debba far passare momenti di dolore, non avendo strutture idonee ad ospitare un afflusso di persone, sarebbe un disastro per voi. Voglio pensare e sperare che per voi sia solo un brutto incubo visto in tv.

Speriamo che passi in fretta cosě possiamo incontrarci per le vie di Galatro e scambiarci abbracci come abbiamo sempre fatto negli anni passati. Ne approfitto per aprire il cassetto e inviarvi una poesia scritta e accantonata insieme ad altre che sicuramente invierň nei prossimi giorni, dato che il tempo non manca. Insieme a un augurio di buona salute a tutti i miei paesani e non solo, vi mando un caloroso abbraccio.

RICORDI LUNTŔNI

Penzŕti, ca oji cchiů d’ajčri,
mi veni a menti quand’eramu cotraredji,
mi veninu ‘nta menti
i jorna da scola chi passavanu lenti.

Cu si ndi fregava du futuru
o si mancava a luci e restŕvamu o scuru,
penzŕvamu u ‘ndi godčmu a jornŕta,
cu nu paru i cazi rutti e na maglietta sciancŕta,
senza virgogna e senza scornu
stŕvamu fora tuttu lu jornu.

Quandu ndi chiamŕvanu i mammi nostri
ca ndi volčnu assettŕti a tavula cumposti,
prima mangiavi tuttu senza reclamari,
e poi potěvi nescěri pe jocŕri.

Avanti a porta, supra a nu scalůni,
n’cera sempri n’amicu comu nu lampiůni
chi t’aspettava mu jochi
cu i figurini 'e mani o cu nu pirňci.

Nte strŕti nc’era di tuttu,
fossi, palacchi e puru u cundůttu,
sě, u cundůttu chi passava d'a crucivěa,
aundi si prischijŕva e si lavŕva a biancheria;
vabbč! chiamamula biancheria,
eranu sulu quattru stracci e ‘mbiŕtu cu l’avěa.

Poi mi veni ntra menti ca a tutti nui cotrŕri,
i genitori nostri ndi ‘nzignŕvanu a salutari:
tra vui cotrari, ndi dicčnu, fati cumu vi pari,
mi raccumandu perň, l’anziani l’aviti a rispettŕri.

Certu, a nui cotrari l’anziani
ndi volčnu beni e cu principi sani,
ndi volčnu educati e rispettůsi
a randi, pěcciuli e muccůsi

Mi ricordu puru ca nte strati
non nc'čranu sulu pecuri e crapi,
nc'čranu puru gadjěni, pudjěa e cani,
muli, vacchi e tanti perzuni, giuvani e anziani.

Mi ricordu tanti negozi di alimentari
e panini c’a mortatella pe nui cotrari,
nc'eranu negozi a ogni via,
l’avemu puru nui, a crucivia.

Poi ‘ndavemu i jumŕri,
pe nui cotrari eranu com’u mari,
e ccŕ ndi ‘mparammu a natŕri
e puru a modu nostru a piscŕri.

Quantu vorrěa u tornu arrčdu
assettŕtu supa a nu murčjiu,
o supa a n’armacčra di petri
pemmu li ricordi fannu luci.
Mi véninu a menti tutti l’amici
‘ngiru po mundu, speru ca su felici.

Mi veni a menti a praca p’e petturussa,
na pittŕra, na stecca i canna e na fossa,
povari acedjuzzeji, mň no farrěa,
e mancu mu sbucu e passari a folěa.

Quant’č bellu u si penza all’anni passati,
all’anni chi si caminava scazi,
sě, scazi pecchě nc'era pocu e nenti,
perň ncera u beni tra amici e parenti.

Tra nui cotrari ndi spartčmu u pani,
u sonnu e a fami,
ndi spartčmu puru i corpa,
eramu tanti ed era sempri na lotta.

Biagio Cirillo



Galatro: sezione Magenta vista da Montebello.


INDIETRO










Google
internet
galatroterme.it
Copyright @ Associazione Culturale del Metramo 1999 -