MAPPA METEO RECAPITI UTILI MERCATINO FOTO CODICE FISCALE PAGINE RADIO GALATRO IERI E OGGI FIRME
Pregi e difetti del Meridione
Maria Francesca Cordiani
3.5.20 - Profondo sconcerto hanno in questi giorni provocato le parole di un noto giornalista, il quale ha dichiarato che i meridionali per taluni aspetti sono soggetti inferiori.

Da meridionale amante della propria terra e perfettamente consapevole di rappresentare una voce fuori dal coro vorrei spezzare una lancia a favore dell’illustre giornalista, il quale soprattutto in un contesto come quello attuale in cui l’unità e la solidarietà tra Nord e Sud fanno da padrone, ha indubbiamente riacceso un fuoco in realtà mai spento.

L’infelice dichiarazione, molto probabilmente oggetto di fraintendimenti o comunque di un’espressione d’impeto non effettivamente voluta è, infatti, verosimilmente il frutto di una questione meridionale mai risolta ed ancora latente. E' forse il segno di un Sud ancora non adeguatamente sviluppato e pertanto perennemente succube di ingiuste vessazioni. E’ palese infatti la disparità economico-sociale tra l’Italia Meridionale e quella Settentrionale, che a tutt’oggi comporta lo spopolamento della prima per l’emigrazione dei giovani e di intere famiglie del Sud verso il Nord oltre che all’estero.

E’ altresì evidente la mancanza di strutture adeguate dove le nuove come le vecchie generazioni possano esprimere al meglio le loro conoscenze e le loro potenzialità. Ed è proprio l’impossibilità di avere prospettive concrete e migliori che causa spesso la fuga dei cervelli meridionali verso luoghi migliori.

L’esperienza del coronavirus ha messo ancor più in evidenza un aspetto fondamentale di tale stato di fatto, ovvero la carenza nel Sud Italia, salvo alcune poche eccezioni, di strutture sanitarie attrezzate ed idonee per debellare malattie nuove, pur ivi essendoci delle eccellenze del settore come tale evento ha dimostrato.

L’affermazione sopra citata dovrebbe far acquisire al popolo del Sud una maggiore consapevolezza delle insufficienze che talvolta lo circondano e spronarlo a lottare e sollecitare chi di competenza a cambiare lo stato delle cose.

Naturalmente non bisogna però dimenticare che il Meridione è sempre stato culla di valorose civiltà e di grande cultura. Basta pensare ad esempio all’antica Magna Grecia, quando l’Italia meridionale venne colonizzata dai greci e molte attività come il commercio, l’agricoltura, ma anche la medicina fiorirono; o pensare ai personaggi illustri a cui il Sud ha dato e continua a dare i natali, tra cui filosofi, matematici, letterati, nonché a tutte le straordinarie meraviglie che questa terra è in grado di offrire.

Ci si augura che in futuro si sviluppino condizioni tali da eliminare finalmente ogni forma di discrimine, spesso ancora sussistente, non solo tra il Nord ed il Sud, ma anche all’interno delle stesse aree geografiche, o addirittura nelle medesime città.


INDIETRO










Google
internet
galatroterme.it
Copyright @ Associazione Culturale del Metramo 1999 -